Missione di formazione e coordinamento: la responsabile, Franca

francaIn questi giorni a Dakar oltre a Serena, nostra cooperante che sarà a Dakar fino a giugno, si trovano Franca, Bepi e Sofia, per portare avanti una serie di attività con i volontari del luogo, formazione alle ragazze del progetto Fatou e alcune iniziative per sperimentare nuovi crsi o progetti con la popolazione del luogo. Bepi, il nostro presidente, si trova a Dakar anche per sbrgare delle pratiche burocratiche, prendere accordi per lo sviluppo del porgetto ambientale a camberene, fare le selezioni per la psicologa per lo sportello antiviolenza a Pikine. Oggi intervistiamo Franca.
Nome, età, professione e interessi: mi chiamo Franca Forzati, ho 50 anni. Mi occupo di animazione per anziani con demenza. I miei interessi iniziano con la lettura e continuano con tutte le curiosità belle che nella vita ho  la possibilità di approcciare.
Quante volte sei partito per Il Senegal? Sono al mio quinto viaggio in Senegal come volontaria di Diritti al Cuore.
Quali sono gli obiettivi di questa missione? Il calendario di appuntamenti è molto fitto. Per quanto mi riguarda mi occuperò  di fare formazione alle ragazze Fatou, ai nostri collaboratori locali ed attraverso loro proporre dei seminari alla popolazione, si tratta di seminari sul fenomeno delle migrazioni internazionali, sull'importanza della formazione scolastica per lo sviluppo di in paese e per le persone, di salute ed igiene femminile nella pubertà, vogliamo scardinare alcuni tabù  ed informare le giovani che si approcciano alla vita adulta ad affrontare la vita con più informazioni e qualche consiglio.
Come sono andati questi primi due giorni? Siamo qui solo da 48 ore. Con grande impegno abbiamo già alle spalle due importanti giornate di organizzazione e discussione delle cose da fare. Davanti giornate di impegni confermati e nuovi inserimenti nelle due mezze giornate "apparentemente" rimaste libere.
 Di cosa sei stata felicissima appena arrivati? Di essere nuovamente riuscita a tornare qui per seguire i progetti dal vivo. In questo paese con tante persone da riabbracciare e da conoscere di persona, un po' seconda famiglia. Di poter ritagliare 12 giorni al lavoro, agli impegni e agli affetti italiani per poter guardare negli occhi e riabbracciare tante persone care anche qui.
 Cosa ti ha colpito? Il grande interesse per gli argomenti proposti per i seminari.
 Quali aspettative per i prossimi giorni? Raggiungere tante persone: donne, giovani donne, bambini, parlare loro di argomenti importanti. Seminare dubbi ed aprire a panorami di possibilità nuove.
 Cosa non vedi l'ora di.... sono solo due giorni che sono qui, davanti a me ancora una settimana. A questa domanda ... il mio cuore che si sta riempiendo di emozioni mi fa capire che la risposta è: già non vedo l'ora di ritornare qui in Senegal la prossima volta.

NEWS ED EVENTI

Video OCEAM, progetto di sensibilizzazione nei licei romani

Video OCEAM, progetto di sensibilizzazione nei licei romani

Ecco a voi il video di presentazione del nuovo progetto di sensibilizzazione e formazione sul tema dei migranti e delle migrazioni nei licei:  O.C.E.A.M.: "Oltre i Confini E Aldilà del Mare" è...

Uova e colombe solidali

Uova e colombe solidali

Anche quest'anno è possibile fare regali solidali per Pasqua: uova del cioccolatificio Reale da 400 gr fondenti o al latte (contributo da 12 euro) e colombe classiche da 1 kg...

21 marzo, Non sono razzista quindi

21 marzo, Non sono razzista quindi

Giovedì 21 marzo il liceo Mamiani apre le porte al quartiere in occasione di una giornata di dibattito e riflessione sulle migrazioni:13:30- Il liceo apre le porte al quartiere,pranzo sociale...

05-03 Secondo appuntamento convegno: “Incanti di terre lontane”

Il 05 marzo 2019, alle ore 16.30, presso l’aula teatro di via Cassia 1286, si terrrà il secondo appuntamento del convegno “Incanti di terre lontane” presentato dal gruppo POSES dei...

« »

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 

© 2016 Diritti al Cuore. All Rights Reserved.

Accesso Utenti