Visite a Piazzale Maslax, la testimonianza di Anna

salute migrante 2Domenica 4 febbraio è il mio turno di visite al Baobab (presidio di accoglienza migranti a Roma) insieme ai miei compagni di avventure di Diritti Al Cuore. Come tutte le altre volte visitiamo, prescriviamo farmaci. La comunicazione verbale non è quasi mai facile ma per fortuna alcuni parlano inglese e poi ci sono i meravigliosi mediatori culturali. Cerco di capire le verità nascoste dei vari sintomi, regalo sorrisi e mi auguro un po' di speranza. Quasi a fine turno si avvicina Rumca, 25 anni eritrea. Da dietro le sue gambe spuntano prima degli occhioni e poi un sorriso sdentato alto più o meno 50 cm. È Evan. Lo prendo in braccio lo metto a sedere e nonostante tutto quello che avrà passato si fida subito. Non servirebbe nemmeno il mediatore culturale che però ci permette di comunicare sicuramente meglio. Mi spiegano che la mamma è preoccupata perché Evan non vuole più mangiare. Ma lui ha degli occhietti troppo vispi... Gli faccio delle domande e quando apre la piccola bocca mi accorgo che ha i dentini pieni di carie. Inoltre come la maggior parte degli eritrei, uomini e donne, che abbiamo visitato quel giorno, mi dice  ha prurito e mi fa vedere le manine. Ispezionando bene trovo i sospetti cunicoli che cercavo e li trovo proprio li negli spazi tra le dita. Ennesima diagnosi di scabbia. Non è bastata la giovane età a renderlo immune e questi odiosi parassiti non l'hanno risparmiato. Anche perché se hai affrontato un viaggio in mare stipato in spazi stretti accalcato a tutti gli altri in condizioni igieniche sicuramente ridicole, come minimo ti becchi la scabbia. E certo, dormire in una casa dormitorio, non avere la possibilità di accedere alla doccia quando ti pare o di poterti cambiare le lenzuola o di avere un pigiamino pulito non aiuta la scabbia a non diffondersi. Fortunatamente esiste un rimedio, un unguento, una terapia, sia per la sua scabbia che per i suoi dentini. E per la sua infanzia? Dimenticavo, Evan ha 4 anni e stasera è in viaggio con la madre ed altri compagni verso un posto migliore. Qui piove e fa freddo e mi sembra quasi stupido sperare che non si bagni. Volevo condividere con voi la mini storia di Evan e augurarmi che a Ventimiglia nascosti dalla complicità del buio riescano a superare la frontiera alla ricerca della loro libertà negata.

NEWS ED EVENTI

20 ottobre ottobrata romana - cena di raccolta fondi

20 ottobre ottobrata romana - cena di raccolta fondi

Sabato 20 ottobre dalle ore 20.30 si terrà, presso la nostra sede, l'Ottobrata Romana, una cena di raccolta fondi per la missione sanitaria che si terrà a fine ottobre. Saranno...

Tavola rotonda per la giornata della fanciulla e della ragazza

L'11 ottobre, in occasione della Giornata internazionale della fanciulla e della ragazza, si è tenuto presso la nostra sede una tavola rotonda istituzionale in collaborazione del XIV Municipio. Il tema...

Ripartono le attività di Diritti al cuore

Ripartono le attività di Diritti al cuore

Dopo una breve pausa estiva (in realtà solo delle riunioni organizzative dei volontari, poichè le attività non si sono mai fermate!), il 10 settembre sono ricominciati i nostri incontri settimanali....

Grande successo per il Festival Toi plus moi vol. 3

Grande successo per il Festival Toi plus moi vol. 3

Il 7 e l'8 giugno 2018 presso la nostra sede in Via Federico Borromeo si è tenuta la terza edizione del Festival toi plus moi. Hanno partecipato più di 200...

« »

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

 

© 2016 Diritti al Cuore. All Rights Reserved.

Accesso Utenti